Legge sulle scritte in lingua straniera

L'ispettorato del mercato (Tirs) sottolinea che le entità imprenditoriali che offrono informazioni per i loro servizi in lingua straniera, principalmente devono usare la lingua slovena.
 
Quando uno straniero in Slovenia su un'insegna di un ristorante, negozio, albergo, servizio ricreativo/palestra, nota le parole in una lingua vicina allo straniero, e' ovviamente contento, non dovendosi occupare del significato delle parole.
 
D'altra parte, in quanto, oltre alla lingua straniera indicata sul insegna, esiste anche la scritta in sloveno, lo straniereo ha la possibilita' di imparare qualche parola nuova.
 
Se offrite le descrizioni dei vostri servizzi in lingue straniere, e in primo luogo necessario utilizzare la lingua slovena.
 
E' giusto che le imprese utilizzino espressioni straniere e in questo modo si avvicinano ai turisti, clienti, ma è necessario preservare la lingua slovena e rendere le descrizioni dei servizzi in modo che la lingua slovena sia la primaria, alla quale poi possono essere aggiunte le traduzioni in altre lingue straniere.
 
I requisti sopra sono prescritti con la legislazione slovena sulla tutela dei consumatori e la legge sul uso pubblico della lingua slovena.
 
 
Alcuni esempi di domande e risposte del ispettorato;
 
1.
Domanda: In TV ho notato che la pubblicità di case automobilistiche estere, alla fine dello slogan, appaiono in una lingua straniera, "Wir leben Autos". Mi chiedo se questo è consentito?
 
Risposta (Tirs): La legge prevede che le aziende devono fare gli affari con i consumatori/clienti in lingua slovena, e nelle zone in cui esiste la comunità nazionale italiana autoctona o ungherese, anche nella lingua minoritaria. Inoltre, la legge nel contesto della pubblicità di beni e servizi richiede che le pubblicità siano in una lingua che i consumatori nel territorio della Repubblica della Slovenia capiscono.
 
Inoltre la legge sul pubblico utilizzo dello sloveno aggiunge, che ogni volta che si presenta la lingua slovena con una lingua straniera come una presentazione pubblicitaria delle attività e altre forme di comunicazione, è inteso che la lingua slovena non puo' essere minormente rappresentata (esempio: uguale grandezza, esposizione,..)
 
Le suddette disposizioni sull'uso della lingua slovena sono legate ache a vari slogan con cui i produttori publicizzano i loro prodotti o servizi. Nel caso questi slogan non costituiscono un marchio protetto o segno ai sensi della legge sulla proprietà industriale (legge sulla proprietà industriale, Gazzetta Ufficiale n. 51/2006 UPB3), questo deve essere tradotto in sloveno. Nel nel caso contrario, questo requisito non e' necessario.
 
Nel caso del marchio automobilistiche specifico, vale a dire lo slogan "Wir leben Autos" è un marchio registrato europeo, in modo che puo' essere utilizzato nella corrispondenza commerciale e nella pubblicità, senza ulteriore traduzione in sloveno.
 
2. 
Domanda: per il bambino ho comprato un gioco per il computer. Mi sono reso conto che nella confezione non vi era nulla in sloveno, ma solo in inglese. Pertanto, mi chiedo se dovrei ricevere istruzioni in lingua slovena.
 
Risposta (Tirs): La legge prevede che se la merce, per una corretta applicazione, richiede una certa procedura, o il consumatore può trarre svantaggio, lesioni o pericolo causato dal uso improprio della merce a se stesso e ad altri, o influisce sul inquinamento dell'ambiente, deve essere accompagnata da istruzioni per l'uso, che devono essere scritte in lingua slovena, se i beni sono destinati alla vendita nel territorio della Slovenia.
 
L'ispettorato presume che con l'uso errato di giochi per computer probabilmente non e' possibile causare pericolo per l'utente e gli altri, e neanche inquinare l'ambiente, il che significa che il motivo che il gioco dovrebbe essere accompagnato da istruzioni per l'uso solo per il suo uso corretto, e per via di una certa procedura d'uso. Se il gioco per essre usato in modo corretto (inserire il dispositivo,...) o se il gioco deve essere avviato in un modo corretto e concreto, allora il venditore ha il dovere di dare al consumatore, al momento dell'acquisto, le istruzioni per l'uso della lingua slovena.
 
Le istruzioni possono non contenere disposizioni sullo scopo del gioco, il significato del gioco e come si gioca (come navigare nel gioco, quali menu da sceglirere nel gioco). Se il gioco include le istruzioni per il gioco, questi possono essere sia in lingua slovena o in una lingua straniera - a prescindere dal fatto che sia l'opera di un autore di gioco per computer, la lingua dipende dal autore del gioco e sarà solo in lingua straniera (come alcuni film su DVD). Se il gioco non ha le istruzioni per giocare in lingua slovena è dal punto di vista della tutela dei consumatori importante, che cio' sia indicato nel gioco o sulla confezione.
 
3.
Domanda: Dovrebbero essere le istruzioni per l'uso della macchina/apparecchio completamente tradotte in lingua slovena?
 
Risposta (Tirs): Le istruzioni per l'uso devono essere interamente tradotte in lingua slovena. Va osservato anche che le istruzioni per l'uso non si riferiscono solo al manuale, che il produttore allega alla macchina/aparecchio, ma anche ogni parola, che si trova sulla macchina/apparecchio stesso (ad esempio:. Adesivo, targa, ecc) e il quale scopo è di avvertire l'acquirente o l'utente dei potenziali pericoli o le procedure che devono essere prese per garantire un uso sicuro.
 
In aggiunta devono essere tradotti e descritti tutti i simboli, pittogrammi..., che si trovano sulla macchina/apparecchio.
 
 
4.
Domanda: E 'permesso avere nei listini prezzo le descrizioni in lingua straniera?
 
Risposta (Tirs): La legge prevede, tra l'altro, che l'azienda deve svolgere gli affari/comunicare con i consumatori in lingua slovena, e nelle zone in cui esiste la minoranza nazionale italiana o ungherese, anche nella lingua minoritaria. In riguardo al etichettatura dei prodotti, il fornitore/venditore, deve fornire al consumatore le informazioni necessarie sulle caratteristiche, le condizioni di vendita e la destinazione d'uso del prodotto. Queste informazioni dovrebbero essere in una lingua che i consumatori nel territorio della Slovenia capiscono. Quindi, se le descrizioni delle bevande offerte dal fornitore, o del cibo, esistono solo in lingua straniera, questo  costituisce una violazione della disposizione di legge di cui sopra. Se, tuttavia, oltre a descrizioni dei prodotti in lingua straniera esiste anche la traduzione in sloveno (ugualmente rappresentata), la legge in questo senso e' soddisfatta.
 
 
JMMC, HIŠA PODJETNIKOV
Računovodski servis Nova Gorica

Perché sceglierci

La missione della nostra azienda da piu’ anni e focalizzata a dare un supporto di 360° ad aziende e imprenditori che hanno interesse di avviare la loro attivita’ e costituire una societa’ nello stato della Slovenia.

In base alle esperienze accumulate abbiamo sviluppato una vasta serie di servizi di appoggio, con i quali possiamo soddisfare le vostre necessita’ imprenditoriali.
I nostri valori aziendali sono il fondamento per tutto ciò che facciamo e vengono prima di ogni altra considerazione.

  •   Onestà: Rispettiamo i nostri clienti, colleghi e la nostra azienda. Lealtà prima di tutto.
  •   Intraprendenza: Agiamo. Le azioni dicono più delle parole.
  •   Responsabilità: Curiamo molto ciò che facciamo e per chi lo facciamo.
  •   Qualità: Siamo professionisti con una passione per la qualità e rispettiamo le nostre promesse.
  •   Esperienza: Abbiamo anni di esperienza nel campo della organizzazione e gestione progetti.
  •   Team: Il nostro team e' costituito da commercialisti esperti.
  •   Oltre il business: Approfondiamo nel lavoro della vostra azienda e vi consigliamo le soluzioni migliori.